Home RUBRICHERECENSIONI CALL OF DUTY BLACK OPS 4

CALL OF DUTY BLACK OPS 4

da admin

 

12 OTTOBRE |
Genere
Piattaforma
Sviluppo
Publisher
Sparatutto
PS4 -Xone – PC
Treyarch
Activision

La guerra, stavolta è cambiata davvero!
Imbracciate le armi soldati, ecco a voi il nuovo Call of Duty
“La guerra non cambia mai” diceva Ron Perlman nello storico e memorabile video di apertura di Fallout, ma stavolta è il caso di dire il contrario, la guerra è cambiata, Call of Duty è cambiato!
In un periodo dove gli sparatutto si sono evoluti in quel sottogenere chiamato battle-royale, Call of Duty non poteva che tentare la fortuna in questa nuova terra fertile, ma già satura da diversi titoli e da un ingombrante Fortnite che non sembra voler lasciar spazio alla concorrenza.

Call of Duty: Black Ops 4 però non è solo il COD battle royale, ma l’offerta multiplayer definitiva della saga, mai così vasta e ricca di contenuti!
Purtroppo però, perde la componente singleplayer che da sempre ha saputo emozionare e narrare storie ricche di momenti epici e memorabili, che statisticamente la maggior parte degli utenti non giocava nemmeno e passava subito alle battaglie multiplayer.
Un abbandono della modalità da parte degli sviluppatori è più che comprensibile visto che il tempo e le risorse risparmiate dal singleplayer sono state abilmente investite per offrire il miglior multiplayer della saga, ma per i tanti fans delle campagne sempre molto cinematografiche e ricche di momenti adrenalinici, Call of Duty Black Ops 4 segna la fine di un’era.
Call of Duty Black Ops 4 è un gioco interamente multiplayer o quasi, visto che una piccola componente singleplayer c’è e sono i vari tutorial di introduzione ai 10 Specialisti del gioco, una buona scusa per imparare al meglio le meccaniche di gioco e le varie caratteristiche degli Specialisti, ma di certo non paragonabile ad una campagna singleplayer.
Come anticipato, Black Ops 4 è il Call of Duty con l’offerta multiplayer più completa e vasta di sempre ed è divisibile in tre modalità principali, il multiplayer competitivo classico, la modalità Zombie e Blackout, la tanto discussa modalità battle royale.
Il multiplayer classico della serie offre come al solito le più famose modalità di gioco e alcune novità ben congeniate e divertenti.
Oltre ai vari Deathmatch, Cerca e distruggi e Uccisione confermata, troviamo nuovi arrivi come Control e Heist, due modalità che puntano molto a valorizzare le meccaniche di cooperazione e scelta dei vari Specialisti all’interno della squadra.
Nella prima dovremo conquistare e difendere due zone della mappa e riuscire a battere la squadra avversaria, che avrà a disposizione 25 respawn per batterci. Per farlo dovremo sia attaccare gli avversari per ridurre le loro “vite”, sia difendere la nostra posizione e per farlo dovremo sfruttare le abilità degli Specialisti più difensivi e tattici, senza i quali la nostra squadra potrebbe durare ben poco.
Heist invece è molto simile alla classica Cattura la bandiera, ma invece della bandiera dovremo catturare una borsa piena di soldi che ci servirà a migliorare il nostro equipaggiamento durante la partita per riuscire a massacrare il nostro avversario.
Qua gli Specialisti più adatti saranno quelli rapidi e improntati all’attacco e ci sentiamo di dire che se vi concentrerete sul lato classico del multiplayer, Heist potrebbe essere la modalità che giocherete di più in quanto si presenta come la novità di questo settore.
La seconda grossa modalità di questo Call of Duty Black Ops 4 è Zombie, che come da promessa degli sviluppatori è ricchissima di contenuti, nuove meccaniche ed è capace di offrire una longevità senza precedenti.
In Black Ops 4 affronteremo gli zombie in 4 nuove mappe, due relative ad un nuovo filone narrativo e altre due che invece si ricollegano a quello dei precedenti capitoli, di cui una però è esclusiva per i possessori del Season Pass.
Gli zombie si accalceranno ora attraverso un massimo di ben 1024 ondate e arrivare a questo livello è veramente impensabile a meno che non siate un team ben organizzato e abbiate tanto tempo, ma soprattutto dovrete essere abili nel gestire l’equipaggiamento e combinare al meglio i vari Elisir e Perks. (continua)
(segue) Non aspettatevi di fare partite leggendarie fin da subito, la scala di apprendimento per questa modalità è abbastanza lenta ed il vostro andamento durante la partita è influenzato principalmente dall’equipaggiamento che a lungo andare vi permetterà di sopravvivere per più ondate.
Arriviamo infine all’attesissima Blackout, la prima modalità battle royale della serie e la nostra speranza è che rimanga tale e venga supportata nel tempo con nuovi contenuti. Blackout è la modalità principale di questo COD, vi impegnerà per la maggior parte del vostro tempo e vi piacerà anche se non siete un amante di questo nuovo genere.
Blackout è una modalità immediata, adatta a chi vuole farsi una partitella di 10 minuti come anche a chi ha parecchie ore libere da dedicarci.
La struttura è la più semplice che si poteva immaginare, classico battle royale, 100 giocatori sulla stessa mappa, solite meccaniche di loot da trovare nella mappa, il tutto con il gameplay canonico dei più recenti Call of Duty e quindi shooting frenetico e veloce che restituisce un feeling immediato a chiunque abbia giocato un Call of Duty precedente.
E a proposito di feeling, la mappa è costruita prendendo spunto dalle mappe multiplayer storiche della serie che ogni fan di COD.

A cura di Valerio Turrini

 Galleria immagini 


 Trailer 


 

potrebbero interessarti anche

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie OK Ulteriori info