a cura di Marco Grande Arbitro

a cura di Marco Grande Arbitro

La guerra della scintilla

La nuova espansione mette fine all’eterna lotta tra i Guardiani e Nicol Bolas.
Un’ondata di planeswalker ci attendono!

La Guerra della Scintilla è l’ottantunesima espansione di Magic, rilasciata il 3 Maggio 2019, La Guerra della Scintilla è composta da 275 carte: 264 provenienti dall’espansione, 1 carta proveniente dal buy-a-box, 10 provenienti dai Planeswalker Deck.
Si tratta della prima espansione ambientata sul piano di Ravnica dove le meccaniche multicolore sono solo di contorno mentre i veri protagonisti dell’espansione sono i planeswalker! Tra bustine e deck tematici, La Guerra della Scintilla contiene ben 39 planeswalker: è l’espansione con più viandanti dimensionali di sempre!
In ogni bustina è possibile trovare almeno una carta planeswalker. Per evitare di squilibrare i giochi, questa volta, questi permanenti sono disponibili in più rarità che vanno dal non comune fino al raro mitico.
Inoltre, ogni planeswalker dell’espansione ha un’abilità innescata o statica non di fedeltà.
Tra le altre meccaniche de La Guerra della Scintilla, vediamo: il ritorno di Proliferare (abilità che aggiunge qualsiasi tipo di segnalino) e la nuova abilità Reclutare (che permette di aggiungere un numero di segnalini su una creatura di tipo Esercito o di crearne una).
Questa volta la storyline va a braccetto con il metagame stesso, diventando uno degli elementi fondamentali di questo set. Come anticipato ad inizio articolo, con la Guerra della Scintilla si conclude il lungo scontro tra i Guardiani e Nicol Bolas.
A fine di questa storia molti stasus quo vengono ribaltati, generando molte situazioni che aprono le porte a molti scenari futuri.
Ma arriviamo al cuore dell’espansione, ci sono ondate di carte interessanti, tuttavia, per non rubare troppo tempo, vi parliamo delle carte più interessanti dell’espansione.
Partendo dalle comuni sono da segnalare due carte che diventeranno utili in più situazioni.
“Restituire alla Natura” è un “Ritorno alla Natura” migliorato per giunta anche anti-cimitero, tornerà utile nelle sidebpard di Standard. Per i deck combo, specialmente per quelli che hanno bisogno di pescate e di mana colorato, abbiamo l’artefatto sacrificabile “Globo delle Gilde”.

Per le non comuni, a parte le ristampe sempre utili “Compagno di Ajani” e “Augure di Bolas”, vi segnaliamo carte d’opposizione molto utili. “Veto di Dovin” è un counter perfetto per i mirror match contro i control, mentre “Frenesia di Angrath” è un removal versatile che colpisce anche i planeswalker.
Sempre per questa categoria, evidenziamo il “Ciclo dei Trionfi”: cinque magie che si potenziano con la presenza del rispettivo planeswalker Guardiano, tra queste spicca “Trionfo di Liliana” che è un’ottima carta da control per i deck con mana nero.Anche le rare mostrano belle carte, “Arcanista dell’Orda Atroce” consente di lanciare ogni attacco le stregonerie e gli istantanei dal cimitero, a suo modo si rifà al “Mago Lanciorapido”. “Tomik, Fautore Rinomato” è una creatura leggendaria bianca da Hatebears, torna utile per smontare tutti i deck interagiscono con le terre.
Zona dell’Esplosione è una terra che si trasforma in un mass removal, ricordando la potente “Esplosivi Ingegnerizzati”.
Sempre sul piano dei removal vi segnaliamo “Incantesimo dell’Antico”, una stregoneria perfetta per distruggere i planeswalker avversari.
“Bestiarco di Vivien” ci permette di giocare creature potenti dal nostro deck, al costo di X mana e di un semplice scarto.
Per le carte rare mitiche abbiamo due cicli davvero interessant, sono presenti ben cinque nuove creature di tipo Dio che, oltre ad essere molto potenti, hanno la possibilità di essere rigiocati se distrutti o esiliati.
Bisogna aspettare tre turni, ma comunque sono davvero incisive sul gioco. Tra queste vi segnalo: “Kefnet, Dio Eterno” e “Ilharg, il Cinghiale Devastatore”.
L’altro ciclo è composto da cinque stregonerie chiamati “I Finali”. Queste magie hanno un costo di lancio di pari a X, se vengono lanciate con oltre dieci mana gli effetti vengono potenziati.
Tra queste magie spiccano: “Finale di Promessa” e “Finale di Rivelazione”.
E i planeswalker? Meritano una sessione a parte tutta loro!
Incredibilmente, tutti quanti i planeswalker proposti nell’espansione hanno un utilizzo concreto, possono essere utilizzati come carte base per i giocatori alle prime armi, da sideboard contro determinati mazzi oppure come vere e proprie finali.
Ci sono dei planeswalker da opposizione che troviamo molto interessanti: di “Tibald, Istigatore Dissoluto” (anti-life), “Teyo, lo Scudomante” (difensivo e anti-burn), “Narset Separatrice dei Veli” (anti-pescate), “Ahiok, Devastatore di Sogni” (anti-fetch), “Dovin, Strumento di Controllo” (oppositore e ritardante) e “Karn il Grande Creatore” (anti-artefatto, una bomba per il Legacy e lo Standard).
Tra i planeswalker versatili, vi segnaliamo: “Saheeli, Artefice Sublime” (perfetta per creare molte pedine volanti), “Ral, Incanalatore della Tempesta” (perfetto nei Burn e negli Izzet per fare danni consistenti), “Ugin l’Ineffabile” (sempre utile dei deck Colorless), “Jace, Manipolatore di Misteri” (condizione di vittoria alternativa per molti deck combo), “Chandra, Artigiana del Fuoco” (una bomba per i deck mono-rosso) e “Nissa, Che Scuote il Mondo” (ci fa abbondare di mana nei mono-verde). Infine, voglio dare spazio agli ultimi Planeswalker rari mitici: “Gideon della Blackblade” (perfetto per supportare il nostro esercito aggro), “Liliana, Generale dell’Orda Atroce” (nonostante le sei mana, abbiamo una carta molto versatile nei Mono Black Control), “Tezzeret, Signore del Ponte” (perfetto in deck dove si abbonda di artefatti, solo la prima abilità è una condizione vittoria in determinati archetipi) e “Nicol Bolas, Drago Divino” (la versatilità fatta planeswalker, possiede anche una condizione vittoria alternativa).
La Guerra della Scintilla dimostra di essere un’espansione incredibile, che fa felice molti giocatori. Gli autori della Wizard hanno sperimentato molto in questa espansione, sono riusciti a cambiare ancora una volta le carte in tavola.
Ci sono molte magie che entrano di prepotenza nel competitivo di molti formati, ma allo stesso tempo vediamo la nascita di nuovi archetipi interessanti.
La Guerra della Scintilla è una scommessa vinta dalla Wizard, mostrando che si può ancora osare nel mondo di Magic the Gathering. Ancora una volta ci troviamo dinanzi un gioco entusiasmante e, soprattutto, ancora vitale!
Guerra della Scintilla, divertitevi nel giocarla!

Se sei un appassionato di magic leggi anche ...

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn